Valentina Medda Bologna, Italia

The Last Lamentation

Bologna, Italia

“The Last Lamentation” è un’elegia funebre per il Mediterraneo, inteso dall’artista come luogo di attesa, sospensione e trapasso, incarnazione di un’assenza, un rituale collettivo dove il mare è concepito come cadavere, corpo esteso, ibrido, fluido, interspecie. Un corpo d’acqua, solido e liquido insieme, che convoglia e dissolve corpi diversi, liquefacendo le distinzioni binarie tra il vivente e il non vivente. Per Santarcangelo, il lavoro confluisce nel fiume Marecchia, richiamando i temi della scarsità idrica, delle migrazioni climatiche, della tragedia del mare e del pianeta – qui guardato da una temporalità altra, lontana ma vicinissima, dal punto di vista della fine. Orchestrato da 12 donne che, di spalle al pubblico, punteggiano il paesaggio, “The Last Lamentation” è costituito da una partitura vocale e coreografica ripetitiva e ipnotica che rielabora i codici tradizionali in forme contemporanee e astratte. Gesti semplici sono accompagnati da un linguaggio preverbale che collega le lamentatrici all’ambiente circostante in un crescendo che diventa litania, risultato dell’incontro di mondi diversi.

Bio

Valentina Medda è un’artista interdisciplinare sarda di base a Bologna. La sua pratica si snoda tra immagine, performance e interventi site-specific. Il suo lavoro è stato presentato in contesti internazionali tra cui Santarcangelo Festival, AUAWIRLEBEN (Amburgo), Little Bastard (Norvegia), Mladi Levi (Lubiana). È stata in residenza presso BAR (Beirut), Cité des Arts (Parigi), Flux Factory (NY), Les bains connective (Bruxelles), MaisonVentidue (Bologna). Ha ricevuto il Fondo Cimetta, Movin up Regione Emilia Romagna, IAP Mentorship (NYFA) e Tina Art PRIZE. È stata vincitrice di Perform Europe, Stronger Peripheries-Southern Coalition e dell’11a edizione dell’Italian Council.

Indirizzo

Via Vecchia Marecchia

Info

Credits

di Valentina Medda
con Ornella Bavaro, Beatrice Brunetto, Eleonora Camerotto, Barbara Cavaliere, Camilla Crescentini, Manuela Manca, Martina Gabrielli, Elena Gozzi, Sofia Longhini, Anna Laura Penna, Dina Rotatori
musiche Gaspare Sammartano
main vocalist Marianna Murgia
produzione ZEIT Art Research
coproduzione Sardegna Teatro, Santarcangelo Festival
diffusione Valentina Medda

progetto curato da Maria Paola Zedda nell'ambito e con il sostegno dell’Italian Council (2022), Direzione Generale Creatività Contemporanea, Ministero della Cultura
artista supportata dalla rete Stronger Peripheries – A Southern Coalition (Bunker, Sardegna Teatro, L'arboreto – Teatro Dimora di Mondaino)

foto Claudia Borgia – performance Valentina Medda, © Borgia / Medda