Agata Siniarska Berlino, Germania

null&void

Berlino, Germania
12 luglio 23:00
13 luglio 22:30
14 luglio 20:00
12 luglio 23:00
13 luglio 22:30
14 luglio 20:00
foto di scena, performer in ginocchio e scenografia a terra

“null&void” racconta storie di distruzione di massa in tempo di guerra dalla prospettiva della terra, del paesaggio, della materia e delle voci costantemente trascurate di chi non è umano. La guerra è un fenomeno strettamente antropogenico che genera un’intera rete di interconnessioni, umane e non, nei suoi effetti dannosi. Implica lo sfruttamento delle risorse naturali guidato dall’imperativo capitalista della crescita economica, che porta al conflitto armato e allo sterminio degli ecosistemi. Causa la distruzione a lungo termine della biodiversità, l’inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua. Come collocarci in un paesaggio post bellico? Come intercettare prospettive non-umane pur avendo un corpo umano? Come ascoltare e vedere di più? Come provare a raccontare queste storie, sapendo che questo compito è intrinsecamente gravato da un’impossibilità?

Bio

Agata Siniarska è un’artista di origine polacca che vive a Berlino. Colloca la sua pratica tra il modo in cui pensiamo al mondo e il modo in cui ci muoviamo al suo interno. È un luogo in cui la somatica e la politica si intersecano, in cui la consapevolezza corporea incontra l’impegno sociale. Il suo lavoro è stato esposto in vari contesti in tutta Europa, tra cui Gessnerallee a Zurigo, Kultursymposium a Weimar, Tanznacht Festival a Berlino, eXplore a Bucarest, Impulse Theater Festival a Mulheim, Biennale di Arte Contemporanea di Lione, ARGEkultur a Salzburg, Kaaitheater a Bruxelles e Tanz Im August a Berlino. Vive nel quartiere berlinese di Friedrichshain con il suo cane Foka ed è una grande fan del Jiu Jitsu brasiliano.

Indirizzo

Info accessibilità: spazio accessibile per persone in sedia a rotelle o con mobilità limitata. Accesso facilitato dall'entrata laterale in via A. Costa.

via Ruggeri 16, Santarcangelo

Info

Credits

concept e coreografia Agata Siniarska
collaborazione artistica Julia Plawgo, Julia Rodriguez, Lubomir Grzelak, Partners in Craft, rat milk, Zuzanna Berendt
body sculpture e make-up Una Ryu
costumi Maldoror
luci Annegret Schalke
training vocale Ignacio Jarquin
musica e suono Lubomir Grzelak
composizione da “Uncle Boonmee who can recall his past events” di Silver Screen Sound Machine
produzione Agata Siniarska
coproduzione Tanz Im August / HAU Hebbel am Ufer, Cross Attic Prague, Partners in Craft

progetto realizzato con il supporto di Adam Mickiewicz Institute, Goethe-Institut Mailand, promosso dal Ministero Federale degli Affari Esteri della Repubblica
Federale di Germania