Pawel Sakowicz / Polonia

Jumpcore

15 luglio22.30
16 luglio21.00
17 luglio19.00

Il 27 ottobre 1964, il danzatore newyorkese Fred Herko salì nell’appartamento del suo amico Johnny Dodd e dopo un bagno caldo iniziò a ballare nudo in salotto, sulle note della Messa dell’incoronazione di Mozart. Di tanto in tanto si avvicinava alla finestra aperta, volteggiando rapidamente altrove. Poi, all’apice dell’opera, saltò nel vuoto. Nessuno sa se avesse premeditato di concludere questa intima performance con un suicidio. Si dice che i ballerini credano di poter volare. In effetti, sospesi nell’istante di un salto, lo fanno. Jumpcore è un vero e proprio “catalogo” di salti: ogni movimento che Pawel Sakowicz compie parte da una riflessione su questa particolare azione. Guidato dall’ispirazione romantica del salto nel vuoto di Herko e dall’idea che non tutti i salti debbano necessariamente concludersi con un atterraggio, Sakowicz esegue diversi tipi di salto con precisione da manuale. In shorts, sneakers e vestaglia, declina l’azione del salto attraverso la storia della danza, percorrendo ogni genere: rave, folk, balletto classico, da sala. Mantenendo alta la tensione emotiva e intellettiva del pubblico, sfida la gravità con un movimento continuo, ripetuto e inesauribile.

BIO
Pawel Sakowicz è coreografo e performer. I suoi principali ambiti di ricerca riguardano la storia della danza e una riflessione legata all’appropriazione culturale nella coreografia. I suoi lavori sono stati presentati in numerosi contesti: Polish Dance Platform, Divine Comedy Festival (Cracovia), La Biennale de danse du Val-de-Marne, Muzeum Susch, NYU Skirball e CAC New Orleans, tra gli altri. Sakowicz ha lavorato con Nowy Teatr (Varsavia), Komuna Warszawa, Schauspiel Hannover, Tokyo Metropolitan Theatre, Lithuanian National Drama Theatre (Vilnius), Dailes Teatris (Riga) e Münchner Kammerspiele.

Ingresso gratuito
  • Piazza Ganganelli

Durata: 40 minuti.

Biglietto non prenotabile. I biglietti per l'accesso sono ritirabili in biglietteria (Piazza Ganganelli) a partire dalle 10.30 del giorno dell'evento.

Coreografia e performance Paweł Sakowicz / drammaturgia Mateusz Szymanowka / musica Indecorum / costumi Doom 3k / produzione MAAT Festival, Scena Tanca Studio, Zacheta – National Gallery of Art. "Jumpcore" fa parte della collezione di Zacheta – National Gallery of Art.

Inserito all'interno del progetto europeo Create to Connect → Create to Impact cofinanziato dal programma Europa creativa dell'Unione Europea.

Spettacolo sostenuto da Istituto Polacco di Roma.

Spettacolo offerto da Birra Amarcord.

© Klaudyna Schubert