Marco D'Agostin / Bologna, Italia

Avalanche

24 novembre 201821.00
evento inserito all’interno di E’ BAL – Palcoscenici romagnoli per la danza contemporanea
un progetto di ATER – Circuito Regionale Multidisciplinare
in collaborazione con L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, Comune di Rimini, Santarcangelo dei Teatri, Teatro del Drago, Teatro Petrella di Longiano

In scena due esseri umani avanzano nell’alba di un pianeta sconosciuto, una terra su cui imparare di nuovo a muoversi: come antiche polveri conservate in un blocco di ghiaccio, tracce di ere geologiche antichissime giunte fino a noi, i due cercano nei corpi e nella voce una nuova articolazione dell’esistenza. Tra sincretismi linguistici, scomposizione di fonemi e partiture fisiche, D’Agostin indaga la possibilità del corpo di farsi archivio, memoria, immaginando che dalle vite precedenti possa emergere un sapere nuovo. La danza diviene così ricerca accanita di un esito, interrogando la questione del limite e della fine.

Marco D’Agostin è un artista attivo nel campo della danza e della performance. Dopo una formazione con maestri di fama internazionale (Claudia Castellucci, Yasmeen Godder, Nigel Charnock, Rosemary Butcher), consolida il proprio percorso come interprete, con, tra gli altri, Socìetas Raffaello Sanzio, Alessandro Sciarroni, Tebea Martin, Liz Santoro, e come autore, ricevendo numerosi riconoscimenti, tra i quali Premio Gd’A Veneto 2010, Segnalazione Speciale al Premio Scenario 2011, Premio Prospettiva Danza 2012. I suoi lavori sono stati messi in scena nei principali festival italiani ed europei, da Romaeuropa a Inteatro e OperaEstate Festival, dai Rencontres Choréographiques di Saint-Denis a Parigi a The Place a Londra e alla Sala Hiroshima di Barcellona.

intero 10 € / ridotto (under 30) 5 €
  • Teatro Il Lavatoio
    via Ruggeri, 16

Prenotazioni: tel. 0541 626185
dal lunedì al venerdì
dalle 10.00 alle 13.00, dalle 15.00 alle 18.00

di Marco D’Agostin
con Marco D’Agostin, Teresa Silva
suono Pablo Esbert Lilienfeld
luci Abigail Fowler
movement coach Marta Ciappina
vocal coach Melanie Pappenheim
direzione tecnica Paolo Tizianel
cura e promozione Marco Villari
coprodotto da Rencontres Choréographiques Internationales de Seine-Saint-Denis, VAN, Marche Teatro, CCN de Nantes con il supporto di O Espaco do Tempo, Centrale Fies, PACT Zollverein, CSC/OperaEstate Festival, Tanzhaus Zurich, Sala Hiroshima, ResiDance XL

foto Roberta Segata - courtesy Centrale Fies, Alice Brazzit