h

Il curatore polacco Tomasz Kireńczuk confermato alla Direzione Artistica per Santarcangelo Festival, fino all’edizione 2026

All’approssimarsi della scadenza contrattuale del mandato di Direzione Artistica prevista per l’agosto 2024, il curatore polacco Tomasz Kireńczuk è confermato alla guida di Santarcangelo Festival fino all’edizione 2026 compresa. La decisione, sostenuta dal Consiglio di Amministrazione di Santarcangelo dei Teatri presieduto da Giovanni Boccia Artieri e composto da Natalino Cappelli e Ludovica Parmeggiani, in concerto con l’Amministrazione comunale di Santarcangelo di Romagna e gli Enti Soci Comuni di Rimini, Longiano, San Mauro Pascoli e Poggio Torriana, permetterà il proseguimento delle molte progettualità annuali permanenti avviate dall’Associazione nell’ultimo biennio, così come il consolidamento delle linee strategiche di lavoro sul posizionamento internazionale del Festival di luglio. La nomina da parte del CdA è l’occasione per un bilancio di metà mandato per un quinquennio (2022–2026) dedicato alla crescita e diversificazione delle attività sostenute dall’Associazione, ma anche una conferma della fiducia nel lavoro della Direzione Artistica delle ultime due edizioni, che hanno accolto un pubblico di oltre 46.000 persone per più di 300 appuntamenti, la programmazione di 86 formazioni artistiche da tutta Europa ma anche Sud America, Canada e Medio Oriente, ospitando oltre 500 tra programmatrici e programmatori, direttrici e direttori di festival internazionali e quasi 200 esponenti della stampa nazionale ed europea.

Tra le linee di lavoro per il prossimo triennio, la conferma del network FONDO, dedicato alla creatività emergente e partecipato da altre 15 istituzioni diffuse sul territorio nazionale tra teatri nazionali, circuiti regionali, centri di produzione, centri di residenza e festival. Un network che ha come obiettivo il sostenere le fasi di ricerca di progetti performativi che per loro natura richiedono lunghi tempi di creazione, facendo fronte a esigenze di lavoro differenziate rispetto alla produzione artistica, dallo sviluppo alla circuitazione. Sempre durante l’ultimo biennio, la conferma del riconoscimento del ruolo internazionale del Festival è attestata dalla partecipazione di Santarcangelo dei Teatri in qualità di partner di due differenti progettualità sostenute da Creative Europe, che alimentano strette azioni di relazione e confronto con più di 20 istituzioni internazionali: In Ex(ile) Lab, progetto dedicato al sostegno di artiste e artisti in condizione di esilio; ROM – Residencies on the Move, dedicato alla creazione di circuiti internazionali di percorsi di residenza artistica.

“Sono molto grato al CdA per la proposta di continuare il mio lavoro a Santarcangelo Festival.” – commenta Tomasz Kireńczuk. “Sono anche enormemente grato alle mie colleghe e ai miei colleghi del team del Festival, con cui da quasi tre anni sto sviluppando il progetto con cui sono arrivato a Santarcangelo nell’autunno del 2021. Senza di loro né il passato né il presente sarebbero stati possibili, e non potrei immaginare questo futuro comune. Santarcangelo Festival è per me un luogo molto speciale, di grande libertà e indipendenza: credo che nella realtà sociale e politica in cui viviamo, la difesa di questi valori abbia un significato particolare. La possibilità di continuare il progetto che ho iniziato nel 2021 è anche un segno per me di come stia cambiando il nostro rapporto con le istituzioni e l’azione culturale, che richiede tempo, fiducia, cura, riflessione e un senso di sicurezza. Sono molto felice di rimanere per altri due anni, durante i quali continueremo a lavorare per rafforzare la posizione internazionale del Festival e per cercare di sviluppare progetti volti a promuovere le arti performative italiane. In particolare, ci concentreremo sul lavoro con artiste e artisti emergenti, o con chi prova a cambiare modi consolidati di interpretare la realtà che ci circonda. Spero che nei prossimi anni il Festival rimanga un luogo attento ed empatico, in cui svolgere un lavoro incessante di immaginazione individuale e collettiva. Credo anche che il cambiamento sia parte dell’identità di Santarcangelo Festival: preparandomi per i prossimi due anni di lavoro, oggi stesso incrocio le dita per la persona che assumerà la Direzione Artistica del Festival 2027.”

Dichiara Giovanni Boccia Artieri, presidente dell’Associazione Santarcangelo dei Teatri: “La scelta di proseguire la collaborazione con Tomasz Kireńczuk è relativa alla volontà del CdA e dei Soci di sviluppare a pieno e in continuità le molte progettualità che Santarcangelo dei Teatri ha aperto sotto la sua direzione. Per questo abbiamo ritenuto che cinque anni complessivi siano il giusto tempo per consolidare il percorso di forte internazionalizzazione del Festival, di supporto e cura alle realtà performative emergenti e di centralità dell’Associazione per promuovere una realtà delle arti sostenibile, inclusiva e orientata alle diversità (secondo i principi internazionali di diversity, equity and inclusion). Crediamo anche nella possibilità di un passaggio di consegne umano e artistico tra direzioni. Per questo cominceremo già nel 2025 lo scouting per la prossima direzione contando sulla sensibilità della comunità artistica che segue le nostre attività e su quella di Tomasz, che potrà accompagnare in modo virtuoso la nuova direzione a insediarsi. La qualità professionale, organizzativa e umana di Tomasz Kireńczuk hanno permesso alla nostra struttura di sviluppare capacità e progettualità e ci attendiamo che i prossimi anni siano non solo una conferma ma un modo ulteriore di sfidare noi stessi a crescere verso nuove direzioni.”

BIO
Nato nel 1983 in Polonia, Tomasz Kireńczuk è drammaturgo, critico teatrale e curatore. Nel 2008 insieme a un gruppo di giovani artisti fonda a Cracovia il Teatr Nowy, un luogo di ricerca teatrale che nel corso di pochi anni si trasformerà da organismo effimero in centro di produzione teatrale indipendente. Per alcuni anni ne è direttore progettuale, curandone aspetti artistici, educativi e sociali. Nel 2018 inaugura il Laboratorio del Nuovo Teatro, un programma dedicato alla formazione di giovani artiste e artisti che si concentra nel fornire mezzi di produzione e totale libertà di creazione. La sua pratica curatoriale si concentra sul lavoro socio-artistico con diverse comunità locali. Dal 2013 ha realizzato numerosi progetti insieme alla cittadinanza di Malopolska, in cui sono stati formati nuovi gruppi di attiviste e attivisti locali. È co-creatore di Dialog – Wroclaw International Theatre Festival, uno tra i più importanti festival teatrali in Polonia, dove lavora tra il 2011 e il 2019 come programmatore e curatore. Nel 2017, a fronte di un ricatto finanziario, ha combattuto per difendere pubblicamente l’indipendenza del festival e il diritto alla libera creazione artistica. Tra il 2005 e il 2006 ha vissuto a Roma, dove ha sviluppato un progetto di ricerca dedicato al teatro futurista italiano pubblicando nel 2008, in polacco, il saggio “Dall’arte in azione all’azione nell’arte. Filippo Tommaso Marinetti e il teatro dei futuristi italiani”. È Direttore Artistico per Santarcangelo Festival dal 2022.

© Pietro Bertora